Segui Keblog su Facebook:

Quando gli animali incontrano l’asfalto, è raro che sia una buona cosa. Ecco perché ambientalisti e architetti di tutto il mondo progettano ponti per animali su autostrade e superstrade, affinché gli animali selvatici possano passare da una parte all’altra di queste vaste aree naturali tagliate in due. Si tratta si strutture che riducono gli incidenti e le morti sia per gli animali che per gli umani.

A causa della costruzione di strade, gli habitat della fauna selvatica diventano sempre più frammentati. Spesso, le autostrade tagliano via gli animali dalle risorse necessarie alla loro sopravvivenza. Questo non lascia alla fauna selvatica altra scelta se non quella di tentare di attraversare strade pericolose.

1. Ponte per granchi rossi sull’Isola di Natale, Australia

Ecodotti, ponti per animali selvatici

Kristy Faulker

2. Ponte per animali in Belgio

Ecodotti, ponti per animali selvatici michielap

3. Tunnel per tartarughe in Giappone

Ecodotti, ponti per animali selvaticisumasui

Chi costruisce i ponti per animali?

I primi ponti per animali selvatici furono costruiti in Francia negli anni ’50. Paesi europei come Paesi Bassi, Svizzera, Germania e Francia hanno, nel corso del tempo, realizzato varie strutture di attraversamento stradale per ridurre il conflitto tra fauna selvatica e strade, e utilizzano una varietà di cavalcavia, ponti e anche sottopassaggi per proteggere animali selvatici come anfibi, tassi, ungulati, invertebrati e altri piccoli mammiferi.

Negli ultimi 30 anni, gli Stati Uniti e il Canada hanno aumentato considerevolmente il ritmo di costruzione dei ponti per animali. Ciò può essere avvenuto in parte grazie al fatto che gli americani sborsano quasi 8 miliardi di dollari l’anno per i danni da collisioni tra animali e veicoli. Vogliamo sperare che la salute e la conservazione della fauna selvatica giochi anch’essa un ruolo importante.

Solo nei Paesi Bassi ci sono 66 ponti e cavalcavia per proteggere le popolazioni di fauna selvatica, composta in gran parte da tassi, cinghiali e cervi. Questo paese ha anche il cavalcavia per fauna selvatica più lungo del mondo. Il Natuurbrug Zanderij Crailoo è lungo quasi un chilometro e attraversa una linea ferroviaria, un fiume, un centro direzionale e un complesso sportivo.

4. Sottopassaggio per pinguini in Nuova Zelanda

Ecodotti, ponti per animali selvatici Oamaru Blue Penguin Colony

5. Ecodotto nel Banff National Park, Canada

Ecodotti, ponti per animali selvatici Joel Sartore

6. Un ponte verde per animali selvatici su un’autostrada in Germania

Ecodotti, ponti per animali selvatici

7. Un ponte di corda sull’autostrada Hume in Victoria, Australia

Ecodotti, ponti per animali selvatici

Come funzionano questi ponti e cavalcavia per la fauna selvatica

L’idea alla base dei ponti per animali è quella di dare agli animali del posto un modo per attraversare le strade senza mettere in pericolo le loro vite. Ottimizzando i costi, gli ingegneri riescono a progettare ponti che costano relativamente poco (dando quindi la possibilità di costruirne molti) e il cui aspetto si fondi con la natura circostante in modo da non spaventare gli animali.

Vengono installate recinzioni e barriere lungo i cigli degli incroci per dirigere la fauna selvatica in direzione del ponte. Qualsiasi accorgimento che aiuti gli animali a usare i ponti aumenta anche la probabilità che gli animali adulti insegnino ai loro piccoli ad usarli.

8. Un orso grizzly esce da un sottopassaggio dopo aver attraversato l’autostrada Trans-Canada nel Parco Nazionale di Banff

Ecodotti, ponti per animali selvatici highwaywilding

9. Ecodotto a Singapore

Ecodotti, ponti per animali selvatici cheekyasian

10. Tunnel per salamandre in Nuova Zelanda

Ecodotti, ponti per animali selvatici Noah Charney

Sottopassaggi per animali

Oltre ai cavalcavia e ai ponti per animali, molte strade negli USA sono dotate di sottopassaggi per la fauna selvatica. Questi tendono ad essere più compatti e vengono utilizzati soprattutto dagli animali più piccoli.

Anche i sottopassaggi in Africa aiutano grandi animali come gli elefanti a riunire i membri di branchi che si sono frammentati. Costruire altri corridoi e sottopassaggi come questi potrebbe anche alleviare le tensioni tra umani ed elefanti in India.

11. Sottopassaggio per elefanti in Kenya

Ecodotti, ponti per animali selvatici AP

12. Ponte per animali nel Brabante Settentrionale, Paesi Bassi

Ecodotti, ponti per animali selvatici Obiektyw1855

13. Cavalcavia per animali a Banff, Alberta, Canada

Ecodotti, ponti per animali selvatici RyVal

Chi attraversa i ponti per animali

I ponti per animali selvatici non sono progettati solo per i grandi mammiferi. Due esempi sono rappresentati da un ponte sull’isola di Natale in Australia, che ogni anno aiuta 50 milioni di granchi rossi ad attraversare una strada trafficata per continuare la loro rotta migratoria, e da uno speciale ponte di corde che si trova a Washington ed è soprannominato il “Nutty Narrows Bridge” perché aiuta gli scoiattoli ad attraversare una strada trafficata.

14. Ponte per granchi nell’Isola di Natale, Australia

Ecodotti, ponti per animali selvaticiIsolaDiNataleAustralia

15. Ecodotto di Duinpoort, a metà strada circa tra Zandvoort e Haarlem, Paesi Bassi

Ecodotti, ponti per animali selvatici Ambamja

Altrove sul Web

Che ne pensi?

Tag