in , ,

La realtà del Covid-19 negli ospedali catturata da un fotoreporter (10 foto)

Segui Keblog su Facebook:

L’emergenza sanitaria scatenata dalla pandemia del coronavirus COVID-19 porta molti di noi, lockdown o no, a cercare di restare in casa per quanto possibile. Sebbene sappiamo, anche dai racconti di chi è stato gravemente malato, quanto tutto il personale sanitario stia lavorando duramente per combattere il virus, quello che succede nei reparti Covid degli ospedali resta lontano dai nostri occhi.

Per rendere le persone più consapevoli della sofferenza dei pazienti e dei sacrifici affrontati da medici e infermieri, il fotoreporter Go Nakamura ha voluto realizzare una serie di immagini che raccontano tutto ciò. Nakamura, che vive a Houston, in Texas, ha visitato lo United Memorial Medical Center per oltre 20 volte a partire dal mese di maggio, documentando tutto quello che accade nel reparto Covid.

Vogliamo proporvi una selezione di queste immagini, nella speranza che portino ad un maggiore livello di consapevolezza e senso di responsabilità, per il bene di tutti.


Nakamura ha raccontato a BuzzFeedNews che, prima di entrare nel reparto Covid dell’ospedale e iniziare a scattare foto, ha dovuto coprirsi interamente con i dispositivi di protezione personali anti contagio, e osservare alcune regole. Una di queste regole era che il fotografo non poteva scattare foto in cui fosse possibile identificare il paziente.

Una volta entrato nel reparto, Nakamura sente l’adrenalina entrare in circolo, ma deve controllare le sue emozioni per fare un buon lavoro. È solo dopo, quando rivede quelle immagini al pc, che tutta la loro tragicità lo colpisce.

Prima di entrare in una stanza, il medico che lo accompagna chiede al paziente se il fotografo può entrare con lui. Molti dei pazienti sono in coma farmacologico, ma quelli coscienti possono accettare o rifiutare la presenza del reporter. Se rifiutano, Nakamura resta fuori dalla stanza. Se accettano, il fotografo può scattare loro delle foto, ma solo se il loro volto è nascosto. Per questo, Nakamura inquadra facendo in modo che i visi dei pazienti siano nascosti dall’attrezzatura medica, o dal personale stesso. Questo, naturalmente, rende più difficile il lavoro del reporter perché poter mostrare un volto consente di trasmettere una maggiore drammaticità.

Quando il dottore Varon, il medico che gli ha dato il benvenuto all’ospedale, lo presenta al resto del personale del reparto, Nakamura nota come medici e infermieri scherzino tra loro di tanto in tanto, e pensa quindi che sia un ambiente di lavoro divertente. Ma “cinque minuti dopo, il dottore si è rivolto a me, mi ha guardato direttamente negli occhi con un faccia seria e ha detto che cercano di ridere di tutto perché altrimenti impazzirebbero”, ha raccontato il fotografo.

Nakamura ha spiegato che lo scopo del suo reportage è portare le persone a conoscenza di ciò che realmente sta accadendo negli ospedali. A volte prova l’istinto di coprirsi gli occhi, per non vedere, ma poi sente il dovere di scattare quelle foto.

Il dottor Varon ha lavorato per più di 260 giorni di fila, e le infermiere dall’inizio dell’estate, senza un giorno di ferie.

#1 26 novembre. Il dottor Joseph Varon conforta un paziente affetto da coronavirus. Sono grato di essere stato testimone di un momento meraviglioso e ringrazio tutto il personale medico per il duro lavoro anche durante le festività natalizie

3 Points
Mi Piace

    #2 I membri del personale medico curano un paziente nell’unità di terapia intensiva Covid-19 il 10 novembre a Houston

    2 Points
    Mi Piace

      #3 Membri del personale medico riposano nell’unità di terapia intensiva Covid-19 presso lo United Memorial Medical Center il 2 luglio a Houston

      2 Points
      Mi Piace

        #4 Un membro del personale medico afferra la mano di un paziente per sistemare il letto nell’unità di terapia intensiva Covid-19 il 31 ottobre a Houston

        2 Points
        Mi Piace

          #5 Il 2 dicembre, il membro dello staff medico Gabriel Cervera Rodriguez chiude gli occhi durante una breve pausa nell’unità di terapia intensiva Covid-19

          1 Point
          Mi Piace

            #6 I membri dello staff medico curano un paziente che indossa un ventilatore a casco nell’unità di terapia intensiva Covid-19 il 28 luglio a Houston

            1 Point
            Mi Piace

              #7 Il 30 giugno a Houston, il personale medico con addosso tutti i dispositivi di protezione personale spinge una barella con il corpo di un paziente morto a causa del coronavirus, fuori dall’unità di terapia intensiva Covid-19

              1 Point
              Mi Piace

                #8 Un membro del personale medico riposa di fronte a un ventilatore nell’unità di terapia intensiva Covid-19 il 30 giugno a Houston

                1 Point
                Mi Piace

                  #9 Pompe infusionali e macchine per elettrocardiogramma nella stanza di un paziente nell’unità di terapia intensiva Covid-19 il 7 dicembre a Houston

                  1 Point
                  Mi Piace

                    #10 Jaqoues Bistre Varon, membro dello staff medico, gira un paziente in posizione prona nell’unità di terapia intensiva Covid-19 il 7 dicembre

                    1 Point
                    Mi Piace

                      Se ti piacciono i nostri articoli, segui Keblog su Google News!

                      What do you think?

                      9 Points
                      Mi Piace

                      Keblogger: Francesca Proietti

                      Appassionata di animali, fotografia, artigianato e viaggi, nonché keblogger sfegatata!

                      Ora Tocca a Te, Commenta!

                      Lascia un commento