in ,

I vincitori del Wildlife Photographer of the Year People’s Choice Award 2023 (25 foto)

Segui Keblog su Facebook:

Il Wildlife Photographer of the Year People’s Choice Award 2023 ha visto trionfare l’immagine commovente di un orso polare addormentato su un iceberg, intitolata “Ice Bed” e scattata da Nima Sarikhani. Questa fotografia, che ha immortalato un maschio di orso polare appena coricatosi su un piccolo iceberg al largo dell’arcipelago delle isole Svalbard, in Norvegia, è stata scelta tra 25 straordinarie immagini grazie ai voti di ben 75,000 persone. L’immagine simboleggia non solo la tranquillità ma anche l’urgente questione dei cambiamenti climatici e il loro impatto sugli habitat naturali​​.

Il Wildlife Photographer of the Year People’s Choice Award è un concorso fotografico annuale che celebra la bellezza e la diversità della vita selvatica del nostro pianeta. Aperto a fotografi professionisti e amatoriali di tutto il mondo, questo premio offre una piattaforma unica per mostrare la natura attraverso gli occhi di chi la vive e la documenta con passione. La selezione del vincitore si basa sui voti del pubblico, permettendo agli appassionati di natura e fotografia di avere una voce attiva nella scelta dell’immagine che meglio cattura la maestosità e la vulnerabilità del mondo naturale.

Tutte le immagini, insieme a quella vincente, sono esposte nell’ambito della mostra Wildlife Photographer of the Year al Natural History Museum di South Kensington, Londra, fino al 30 giugno 2024​​.

Date un’occhiata alle incredibili foto qui sotto, e non dimenticate che qui su Keblog la classifica la decidete voi, lettrici e lettori, votando le vostre preferite! E quando avete fatto, non perdetevi il Wildlife Photographer of the Year People’s Choice Award 2022!

#1 Foto vincitrice: “Letto di ghiaccio” di Nima Sarikhani, Regno Unito. Località: al largo dell’arcipelago delle Svalbard, Norvegia.

"Un orso polare si ritaglia un letto su un piccolo iceberg, prima di concedersi al sonno nell'estremo nord, al largo delle Svalbard, un arcipelago norvegese. Dopo tre giorni di ricerca infruttuosa di orsi polari, immerso in una densa nebbia che avvolge l'estremo nord delle Svalbard, l'equipaggio della nave da spedizione Nima ha optato per un cambio di rotta, virando verso sud-est, in cerca di ghiaccio marino residuo. In questa nuova direzione, hanno incrociato un orso giovane e uno più maturo, e hanno deciso di dedicarsi all'osservazione dei due per le successive otto ore. Al calare della notte, poco prima della mezzanotte, l'orso più giovane ha scalato un piccolo iceberg e, con la forza delle sue robuste zampe, ha scolpito un giaciglio dove poi si è adagiato per riposare."

283 Punti
Mi Piace

Lascia un commento

    #2 Menzione speciale: “Genitorialità condivisa” di Mark Boyd, Kenya. Località: Masai Mara, Kenya

    "Nel Masai Mara in Kenya, due leonesse si prendono cura di uno dei cinque cuccioli del loro branco. All'alba, Mark ha assistito a questo tenero momento mentre le leonesse accudivano uno dei loro cuccioli nel territorio che abitano. La notte precedente, le leonesse erano uscite per cacciare, lasciando i cuccioli al riparo tra i cespugli fitti. Al loro ritorno, dopo un tentativo di caccia senza successo, hanno radunato i cuccioli in una zona di prateria più aperta.

    Nel branco, le femmine si occupano dei cuccioli altrui come fossero i propri, condividendo tra loro i compiti di cura. Il giovane cucciolo, al centro delle attenzioni, sembrava apprezzare molto questi momenti di affetto e cura."

    281 Punti
    Mi Piace

    Lascia un commento

      #3 “Scarpe da neve” di Deena Sveinsson, USA. Luogo: Parco Nazionale delle Montagne Rocciose, Stati Uniti

      "Una lepre scarpa da neve si prepara a compiere un grande balzo, alzando le zampe verso la testa, sulla neve alta e soffice delle foreste del Parco Nazionale delle Montagne Rocciose, negli Stati Uniti. Durante una fredda mattinata di fine primavera, Deena, in escursione nel parco, si è imbattuta in questa lepre intenta a riposare su un piccolo cumulo di neve. Con la massima cautela, si è posizionata delicatamente di fronte all'animale.

      Più tardi, al risveglio, la lepre ha fatto un audace salto dal cumulo di neve verso Deena. Grazie all'uso di una fotocamera con un'elevata velocità di scatto, Deena ha immortalato l'istante preciso in cui la lepre coordinava le sue ampie zampe posteriori verso la testa per il salto. Le dimensioni dei suoi piedi le consentono di non sprofondare nella neve morbida e profonda, funzionando effettivamente come racchette da neve naturali, il che spiega l'appellativo di lepre scarpa da neve."

      249 Punti
      Mi Piace

      Lascia un commento

        #4 Menzione speciale: “Il mormorio dello storno” di Daniel Dencescu, Germania/Romania. Località: Roma, Italia

        "Una stupefacente formazione di storni ha disegnato nel cielo la silhouette di un uccello gigante mentre si dirigeva verso i luoghi di riposo sopra la città di Roma. Daniel è stato affascinato dai movimenti di questi uccelli che, riunendosi dopo la ricerca di cibo, creavano impressionanti figure nell'aria. Questi spettacoli, conosciuti come mormorii, avvenivano quotidianamente nel tardo pomeriggio, quando gli storni si preparavano a ritirarsi per la notte.

        Per catturare al meglio questi momenti, Daniel ha dedicato diverse ore a seguire il volo degli storni attraverso Roma e i suoi dintorni, cercando il luogo ideale per osservare e fotografare lo spettacolo. Infine, in una chiara giornata invernale, è stato ripagato quando lo stormo ha compiuto evoluzioni aeree, formando la figura maestosa di un uccello gigante nel cielo."

        236 Punti
        Mi Piace

        Lascia un commento

          #5 “Un raro avvistamento” di Axel Gomille, Germania. Luogo: Parco Nazionale delle Montagne Bale, Etiopia.

          "Il lupo etiope, la specie di cane selvatico più rara al mondo, si adagia tra la vegetazione degli altipiani nel Parco Nazionale delle Montagne Bale in Etiopia. I colori vivaci dell'estate, tra il verde e il blu, fanno da cornice ideale ai toni castani del suo mantello in questo scatto tranquillo. Questi lupi, dei quali sopravvivono solo poche centinaia di esemplari, trovano rifugio nella vegetazione degli altopiani etiopi.

          Il Parco Nazionale dei Monti Bale, luogo in cui è stata scattata questa fotografia, è l'habitat della più numerosa popolazione di lupi etiopi. La specie è sotto la minaccia costante della perdita di habitat e di malattie trasmesse dai cani domestici, come la rabbia e il cimurro."

          234 Punti
          Mi Piace

          Lascia un commento

            #6 “Dolce tocco” di Andy Parkinson, Regno Unito. Ubicazione: Monti Monadhliath, Scozia, Regno Unito.

            "Nelle montagne Monadhliath in Scozia, due lepri di montagna in fase di corteggiamento si sono avvicinate per toccarsi dolcemente il naso, in un gesto di affetto raro e significativo. Andy, che ha dedicato quindici anni alla fotografia delle lepri in queste montagne, non aveva mai assistito a un momento del genere. Era abituato a vedere la femmina respingere il maschio con azioni di boxe, tipiche del loro comportamento di corteggiamento, e per questo aveva lasciato ampio spazio nella composizione della sua foto, in previsione di movimenti bruschi.

            Contro ogni aspettativa, le due lepri si sono invece avvicinate per un tenero contatto naso a naso. Andy ha reagito prontamente, immortalando con la sua fotocamera questa rara dimostrazione di intimità. Per lui, questo evento è stata una testimonianza ulteriore della complessità delle relazioni sociali che intercorrono tra gli animali."

            232 Punti
            Mi Piace

            Lascia un commento

              #7 “Curiosità” di Gerald Hinde, Sud Africa. Località: Parco Nazionale Greater Kruger, Sud Africa

              "Sotto lo sguardo attento della madre, nel Parco Nazionale Greater Kruger in Sud Africa, un cucciolo di leone mosso dalla curiosità si avvicina al fotografo, osservato dal sicuro di un veicolo. I cuccioli di leone, essendo vulnerabili a predatori quali leopardi e iene, sono spesso a rischio, soprattutto a causa delle incursioni di leoni maschi estranei. Nei primi sei mesi di vita, restano nascosti per protezione, per poi essere gradualmente introdotti al branco e alla sua collettiva sicurezza.

              Gerald aveva posizionato il suo veicolo in un letto di fiume asciutto all'interno del Greater Kruger National Park, attirando l'attenzione di questo cucciolo, il primo ad avvicinarsi per esplorare il nuovo arrivo. Puntando la macchina fotografica fuori dal veicolo, a rasoterra, è riuscito a catturare le esplorazioni del cucciolo da una prospettiva bassa e intimista."

              230 Punti
              Mi Piace

              Lascia un commento

                #8 Menzione speciale: “La tartaruga felice” di Tzahi Finkelstein, Israele. Località: Valle di Jezreel, Israele

                "In Israele, nella valle di Jezreel, una tartaruga palustre dei Balcani e una libellula terrestre del nord hanno condiviso un momento di tranquilla coesistenza. Tzahi, nascosto tra la vegetazione mentre fotografava gli uccelli costieri, ha notato la tartaruga che guadava nelle acque basse. Inizialmente disinteressato, la sua attenzione si è spostata quando una libellula terrestre fasciata del nord ha attraversato il suo campo visivo dirigendosi verso la tartaruga.

                Contrariamente alle aspettative, la libellula è atterrata sul naso della tartaruga senza che quest'ultima reagisse con aggressività. Invece di tentare di mangiare l'insetto, la tartaruga sembrava apprezzare la compagnia, condividendo un'insolita armonia in mezzo all'ambiente umido e fangoso della palude."

                229 Punti
                Mi Piace

                Lascia un commento

                  #9 “Difficile negoziazione” di Ayala Fishaimer, Israele. Località: colline della Giudea, Israele

                  "Sulle colline della Giudea, in Israele, un cucciolo di volpe rossa si ergeva su una roccia quando i suoi occhi hanno incrociato quelli di un toporagno che aveva appena lanciato in aria. Dopo il primo lockdown causato dal Covid-19, Ayala sentiva un profondo bisogno di immergersi nella natura; così, in una fresca mattina primaverile, si è avventurata verso le colline della Giudea. Al termine di un'ora di viaggio, ha raggiunto il rifugio di una famiglia di volpi rosse e, parcheggiando a debita distanza, si è messa in attesa. Non è passato molto prima che quattro piccoli emergessero giocando tra loro. Uno dei cuccioli, tuttavia, ha distolto presto l'attenzione dai suoi fratelli per esplorare i dintorni. Fu allora che ha scovato un toporagno nella sabbia e ha cominciato a giocarci come se fosse una palla. Posizionandosi su una roccia, lo lanciava in aria con disinvoltura. Nel momento in cui il toporagno è ricaduto a terra, Ayala ha immortalato lo sguardo che si sono scambiati, catturando un'interazione fugace ma intensa tra predatore e preda."

                  218 Punti
                  Mi Piace

                  Lascia un commento

                    #10 “La raccolta degli anatroccoli” di Charles Davis, Australia. Località: Smiggin Holes, Nuovo Galles del Sud, Australia

                    "Un'anatra selvatica con la sua prole è stata sorpresa da una tempesta di neve di tarda primavera a Smiggin Holes, nel Nuovo Galles del Sud, Australia. In condizioni normali, il clima sarebbe stato caldo e soleggiato al momento dell'uscita degli anatroccoli dal nido, situato in alto in una cavità arborea. Tuttavia, a causa dell'influenza del fenomeno La Niña di quest'anno, la situazione climatica è stata diversa. Le acque insolitamente calde nel Pacifico occidentale hanno portato a un aumento delle precipitazioni, causando piogge superiori alla media nell'Australia orientale e stagioni primaverili ed estive caratterizzate da temperature più fresche e maggiore umidità.

                    Nonostante le condizioni meteorologiche avverse, gli anatroccoli hanno deciso di lasciare il nido, immergendosi in un ambiente insolitamente gelido. Una volta atterrati, si sono rapidamente trovati in mezzo a una tempesta di neve, mentre la madre anatra si adoperava con urgenza per guidarli verso le acque aperte."

                    218 Punti
                    Mi Piace

                    Lascia un commento

                      #11 “Speranza” di Roberto García-Roa, Spagna. Località: Centro di Conservazione degli Scimpanzé nella Repubblica di Guinea

                      "Uno scimpanzé salvato contempla il mondo esterno dal recinto del Centro di Conservazione degli Scimpanzé nella Repubblica di Guinea. Durante una sessione fotografica dedicata agli scimpanzé soccorsi e ospitati presso il Chimpanzee Conservation Center, Roberto ha immortalato questo momento riflessivo. Il centro, situato nel cuore del Parco Nazionale dell'Alto Niger, accoglie scimpanzé orfani che sono stati sottratti al commercio illegale di animali domestici, dopo la morte delle loro madri cacciate per il commercio di carne di selvaggina.

                      Con gli scimpanzé occidentali che vedono la loro popolazione ridursi drasticamente in Guinea, e con la specie attualmente classificata come in pericolo critico di estinzione, il centro svolge un ruolo cruciale nella riabilitazione di questi primati, aspirando a reintrodurli nel loro habitat naturale all'interno del parco. Inoltre, il centro lavora a stretto contatto con le comunità locali per sensibilizzarle sull'importanza di proteggere la foresta pluviale e i suoi abitanti."

                      210 Punti
                      Mi Piace

                      Lascia un commento

                        #12 Menzione speciale: “Meduse sotto l’aurora boreale” di Audun Rikardsen, Norvegia. Località: Tromsø, Norvegia settentrionale

                        "Nelle fresche acque autunnali di un fiordo esterno a Tromsø, nel nord della Norvegia, le meduse quadrifoglio danzano sotto lo spettacolo luminoso dell'aurora boreale. È tipico per questa specie radunarsi in grandi numeri in tale scenario. Utilizzando una custodia impermeabile fai-da-te per proteggere la sua attrezzatura, Audun Rikardsen ha impiegato una singola esposizione combinata con un sistema innovativo da lui ideato per regolare messa a fuoco e apertura durante la stessa. Questa tecnica gli ha permesso di catturare sia il riflesso dell'aurora sulle acque che di evidenziare le meduse mediante l'uso di flash.

                        Le meduse quadrifoglio, diffuse in tutti gli oceani, si distinguono per i quattro cerchi presenti nel loro corpo, che sono in realtà i loro organi riproduttivi."

                        209 Punti
                        Mi Piace

                        Lascia un commento

                          #13 “Guardi me, guardo te” di John E. Marriott, Canada. Località: fiume Chilko, Columbia Britannica, Canada

                          "Un orso grizzly si erge sulle zampe posteriori, osservando il fotografo, prima di dedicarsi nuovamente alla pesca del salmone nel fiume Chilko, nella Columbia Britannica, Canada. John, guidando un tour fotografico dedicato agli orsi grizzly lungo il fiume Chilko, si è imbattuto in questa scena con il suo gruppo. Approfittando della corrente che muoveva lentamente la loro imbarcazione, hanno avuto la possibilità di osservare l'orso alzarsi in piedi, quasi cercando una migliore visuale sui salmoni che nuotavano nelle acque basse.

                          In quel momento, l'orso ha lanciato uno sguardo quasi interrogativo verso la barca, prima di riprendere con dedizione la sua attività di pesca."

                          203 Punti
                          Mi Piace

                          Lascia un commento

                            #14 “Piantagrane” di Stefan Christmann, Germania. Località: Baia di Atka, Antartide

                            "In Baia di Atka, Antartide, un pinguino di Adelia si fa coraggiosamente avanti verso un pinguino imperatore e il suo pulcino durante il pasto. Stefan era lì per osservare l'esito delle interazioni tra questi tre pinguini. I pinguini di Adelia fanno la loro comparsa in questa zona soltanto per un limitato periodo estivo dell'emisfero australe.

                            Noti per il loro comportamento opportunistico, i pinguini di Adelia possono risultare fastidiosi per i pinguini imperatori e i loro giovani. Approfittando di ogni occasione, tentano di intercettare il cibo destinato all'adulto o al pulcino durante l'alimentazione, cercando di appropriarsi di qualsiasi pezzo che cada a terra."

                            200 Punti
                            Mi Piace

                            Lascia un commento

                              #15 “Rondine sul prato” di Hermann Hirsch / Jan Lessman, Germania. Località: Germania orientale

                              "Una rondine sorvola un campo di fiordalisi, intenta nella caccia agli insetti durante la primavera nell'est della Germania.

                              Le rondini hanno l'abitudine di costruire i loro nidi all'interno degli edifici, tornando spesso allo stesso luogo ogni anno per restaurare le loro delicate strutture fatte di fango e argilla. Hermann e Jan, posizionando con cura la loro fotocamera tra i fiordalisi, hanno osservato le rondini che volavano a bassa quota sul campo. Grazie all'uso di un telecomando, sono riusciti a immortalare l'incantevole momento in cui una rondine planava proprio sopra l'obiettivo della loro fotocamera."

                              200 Punti
                              Mi Piace

                              Lascia un commento

                                #16 “Mi è scappato un sorso di latte” di Karim Iliya, USA/Libano. Località: al largo della costa di Rurutu, Polinesia francese

                                "Durante un'immersione al largo della costa di Rurutu, nella Polinesia francese, un cucciolo di balena megattera lascia sfuggire del latte materno, che inizia a disperdersi e a formare vortici nelle correnti marine. Nei suoi sette anni dedicati alla fotografia delle megattere, Karim ha assistito a questo fenomeno soltanto in due occasioni, entrambe mentre si trovava nelle acque vicino a Rurutu, in compagnia della stessa balena e del suo cucciolo.

                                Le megattere non possiedono labbra, il che rende i loro cuccioli piuttosto impacciati nell'allattamento e, in casi rari, porta alla perdita di latte. Proprio mentre Karim stava per terminare l'immersione e risalire, ha notato il cucciolo che emergeva sullo sfondo, riuscendo a immortalare le tracce di latte che si disperdevano, fluttuando e vorticando nella corrente."

                                184 Punti
                                Mi Piace

                                Lascia un commento

                                  #17 “Le Praterie Geladas” di Marco Gaiotti, Italia. Località: Monti Simien dell’Etiopia, Etiopia

                                  "Sul bordo di un altopiano nei Monti Simien in Etiopia, una madre di babbuino gelada allatta il suo piccolo in compagnia di un'altra femmina. Questa scena è stata immortalata durante la stagione delle piogge di agosto, con il cielo carico di nuvole che preannunciano l'arrivo di un temporale imminente. Le gelade formano unità familiari, come degli harem, generalmente costituite da un maschio, diverse femmine imparentate tra loro e i loro cuccioli.

                                  Le gelade vivono nei loro habitat di prati montani in Etiopia. Tuttavia, la crescente presenza di allevamenti sta riducendo le praterie disponibili per queste scimmie, costringendo questi animali a spostarsi in aree sempre più ristrette. La fotografia cattura il momento intimo di una gelada che nutre il suo bambino, con una compagna al suo fianco, in uno scenario tipico dei Monti Simien."

                                  183 Punti
                                  Mi Piace

                                  Lascia un commento

                                    #18 “Volpe opportunista” di Matt Maran, Regno Unito. Località: Londra, Regno Unito

                                    "Una giovane volpe rossa sfrutta l'occasione offerta da un bidone della spazzatura colmo, poco prima del giorno di raccolta, in una via di Londra, nel Regno Unito. Per due mesi, Matt ha monitorato un giovane esemplare maschio di volpe rossa, osservando come imparasse a identificare il momento ottimale per ispezionare un bidone. Ha scoperto che il lunedì sera, alla vigilia della raccolta settimanale, era il momento ideale: la spazzatura, accumulata in grande quantità, rendeva facilmente accessibili eventuali resti di cibo.

                                    Contrariamente a quanto comunemente si pensa, l'alimentazione delle volpi urbane è costituita per più della metà da fonti naturali quali lombrichi, uccelli selvatici, semi e frutta. Questo comportamento dimostra l'importante ruolo che le volpi svolgono nell'ecosistema urbano, contribuendo a mantenere l'equilibrio naturale.

                                    183 Punti
                                    Mi Piace

                                    Lascia un commento

                                      #19 “Disputa di quartiere” di Ofer Levy, Australia. Luogo: Roebuck Bay, Australia

                                      "A Roebuck Bay, Australia, un saltafango si impegna in una difesa feroce del suo territorio contro un granchio che ha osato invaderlo. I saltafango, capaci di vivere sia in acqua che fuori, purché rimangano umidi, prosperano nelle zone fangose dell'Australia occidentale. Questi pesci anfibi si distinguono per il loro comportamento estremamente territoriale, costruendo talvolta muri di fango attorno ai loro spazi vitali, luoghi di nutrimento e riproduzione.

                                      Il granchio, entrato chiaramente in territorio non suo, si trova di fronte al saltafango che, aprendo la bocca e sollevando la pinna dorsale, lo sfida. Con queste azioni, il saltafango cerca di intimidire l'intruso attraverso una dimostrazione di forza. Ofer ha assistito a numerosi di questi confronti sulla distesa fangosa, notando che era sempre il saltafango a iniziare le ostilità."

                                      175 Punti
                                      Mi Piace

                                      Lascia un commento

                                        #20 “Bagliore autunnale” di Uge Fuertes Sanz, Spagna. Ubicazione: il fiume Cabriel nelle montagne della Sierra de Albarracín, Spagna

                                        "In un tranquillo angolo del fiume Cabriel, situato nelle montagne della Sierra de Albarracín in Spagna, si trova una scena che ricorda un dipinto, con giunchi e pioppi tremuli che compongono l'immagine. Per Uge, questo particolare scenario sembrava letteralmente uscito da una tela. La disposizione delle piante, insieme alle forme e ai colori delle foglie autunnali, creava un'armonia di texture ed equilibrio, quasi come se la natura stessa avesse posato per un quadro.

                                        Durante la sua permanenza sulle sponde del fiume Cabriel, Uge ha catturato oltre un centinaio di fotografie, attendendo con pazienza il momento perfetto in cui una nuvola avrebbe offuscato il sole, permettendo così a una luce morbida e diffusa di avvolgere delicatamente l'intero paesaggio."

                                        171 Punti
                                        Mi Piace

                                        Lascia un commento

                                          #21 “Ritorno a casa” di Dvir Barkay, USA/Israele. Ubicazione: le foreste del Costa Rica

                                          "Un pipistrello pigmeo dalle orecchie rotonde fa ritorno al suo termitaio, sotto lo sguardo attento di due membri della famiglia perfettamente mimetizzati all'entrata, nelle foreste del Costa Rica. Dvir ha dedicato oltre due mesi alla ricerca di scatti del raro pipistrello pigmeo dalle orecchie rotonde, nelle foreste pluviali costaricane. Questi pipistrelli adottano un comportamento peculiare, trovando rifugio in cavità che essi stessi scavano nei nidi di termiti, utilizzando i denti.

                                          Per catturare queste immagini, Dvir ha utilizzato un ramo vicino per posizionare la sua fotocamera, configurando un sensore a infrarossi presso l'entrata del termitaio e collocando tre flash diffusi intorno. L'immagine risultante documenta il momento in cui uno dei pipistrelli sta rientrando nel termitaio, mentre due suoi familiari, abilmente camuffati, osservano dalla soglia."

                                          164 Punti
                                          Mi Piace

                                          Lascia un commento

                                            #22 “Un drink tra la spazzatura” di Claire Waring, Regno Unito. Località: Riserva naturale di Tangkoko Batuangus, Indonesia

                                            "Un macaco crestato di Celebes esamina il contenuto di una bottiglia di plastica in un cumulo destinato al riciclo su una spiaggia confinante con la Riserva Naturale di Tangkoko Batuangus in Indonesia. Sulla spiaggia, al limite della riserva situata sull'isola di Sulawesi, i ranger hanno accumulato bottiglie di plastica per il riciclaggio, molte delle quali trascinate a riva dal mare.

                                            Questi macachi hanno appreso che tali bottiglie spesso contengono liquidi e si vedono comunemente mordicchiare i tappi per accedere al contenuto. Hanno inoltre scoperto che le bottiglie colorate hanno maggiori probabilità di contenere liquidi zuccherati, prediligendole quindi nella scelta. Alcuni individui si sono spinti fino a portare le bottiglie con sé nella foresta, contrastando così gli sforzi di raccolta e riciclo dei ranger."

                                            157 Punti
                                            Mi Piace

                                            Lascia un commento

                                              #23 “L’arrivo della vespa dorata” di Frank Deschandol, Francia. Ubicazione: vicino a Montpellier, Francia

                                              "Presso Montpellier, in Francia, Frank ha immortalato un'incredibile scena: una vespa dorata catturata in volo mentre tentava di intrufolarsi nel nido di un'ape muratrice, con una sua consimile di dimensioni inferiori che si dedicava alla pulizia delle ali. Frank, posizionatosi vicino alla tana dell'ape muratrice, mirava a fotografare la vespa cuculo, un parassita di queste api. La sua pazienza è stata premiata quando non una, ma due di queste vespe hanno fatto la loro comparsa. La più grande delle due ha tentato di accedere alla tana, già sigillata e contenente le uova dell'ape, mentre la sua compagna più piccola si occupava della pulizia delle ali.

                                              Nel corso della sessione fotografica, la vespa cuculo di maggiori dimensioni si è allontanata per un breve istante, per poi ritornare con una goccia d'acqua in bocca. Questa strategia, che prevede l'utilizzo di acqua e saliva per ammorbidire l'argilla, consente alla vespa di penetrare all'interno della tana sigillata e di depositare il proprio uovo. Successivamente, la tana viene nuovamente chiusa. Allo schiudersi dell'uovo della vespa dorata, la larva si nutrirà delle larve dell'ape muratrice presenti all'interno della tana."

                                              144 Punti
                                              Mi Piace

                                              Lascia un commento

                                                #24 “Toro nella discarica” di Brent Stirton, Sud Africa. Località: Tissamaharama, Sri Lanka

                                                "Un elefante maschio rovista tra i rifiuti alla ricerca di frutta e verdura marcia in una discarica a Tissamaharama, Sri Lanka. Questa area attrae numerosi elefanti maschi, non solo per la spazzatura ma anche per i raccolti nelle vicinanze. La presenza di una cicatrice da ferita d'arma da fuoco sulla zampa anteriore sinistra e un'altra lesione sulla schiena suggeriscono che questo elefante è un habitué dei campi agricoli.

                                                Il conflitto tra uomini ed elefanti in questa regione si manifesta in vari modi, dalle urla e l'utilizzo di fuochi d'artificio per allontanare gli elefanti dai raccolti e dalle aree abitate, fino agli scontri armati. Tuttavia, gli spari tendono a non essere letali, servendo più che altro a dissuadere temporaneamente gli elefanti, per circa un paio di mesi."

                                                138 Punti
                                                Mi Piace

                                                Lascia un commento

                                                  #25 “Vittime della moda” di Britta Jaschinski, Germania/Regno Unito. Luogo: Istituto Leibniz per l’analisi dei cambiamenti della biodiversità di Amburgo, Germania

                                                  "Una collezione di cappotti, confezionati utilizzando le pelli di alcuni tra i grandi felini più minacciati di estinzione, tra cui il leopardo delle nevi, il giaguaro e il leopardo, è stata esposta. Questi articoli, sequestrati dai doganieri in varie parti d'Europa, sono stati trasferiti all'Istituto Leibniz per l'analisi dei cambiamenti della biodiversità ad Amburgo. Qui, sono stati sottoposti a test forensi prima di essere destinati a eventi educativi, allo scopo di prevenire il loro ritorno sul mercato nero.

                                                  Durante una sessione fotografica, Britta ha scoperto che, per realizzare un singolo cappotto, l'industria della pelliccia necessita in media di 12 animali. In collaborazione con un biologo, ha tentato di determinare il numero esatto di felini sacrificati per la produzione degli articoli di moda ritratti, interrompendo però il conteggio a causa dell'eccessiva gravità del dato."

                                                  101 Punti
                                                  Mi Piace

                                                  Lascia un commento

                                                    Se ti piacciono i nostri articoli, segui Keblog su Google News!

                                                    What do you think?

                                                    142 Punti
                                                    Mi Piace

                                                    Written by Giusy Valente

                                                    Mi piace scrivere su diversi argomenti. Amo tutti gli animali e cerco di piacere soprattutto ai miei mici, dato che i gatti domineranno il mondo.

                                                    Tocca a te, lascia un commento!

                                                    Lascia un commento