Segui Keblog su Facebook:

I social media consentono talvolta di sbirciare nelle aule delle scuole di tutto il mondo per vedere cosa succede. Dall’insegnante che indossa lo stesso abito per 100 giorni consecutivi a quello che insegna il computer disegnandolo sulla lavagna, internet è pieno di post che mostrano insegnanti sorprendenti. L’ultimo è Nathan Alexzander, un professore di matematica di 34 anni che si è offerto di tenere la figlia neonata di un suo studente durante le lezioni.

Altre info: Twitter

La settimana scorsa, Wayne Hayer, un neo papà che frequenta il corso di Alexzander al Morehouse College di Atlanta, Georgia, non era riuscito a trovare una babysitter che guardasse sua figlia, Assata

Incerto sul da farsi ma non volendo saltare la lezione, ha deciso di portare con sé la piccola. Quando Hayer è entrato in classe con la sua “ospite speciale”, è stato accolto calorosamente da Alexzander, che ha deciso di aiutare concretamente il giovane papà.

“Mentre entrava in classe con la sua bambina in braccio, il mio compagno ha spiegato al professore che non era riuscito a trovare una baby-sitter e che nessun altro poteva guardarla”, ha raccontato su Facebook Nick Vaughn, un altro studente.

Così il professore ha detto: ‘Nessun problema, anzi, la tengo io così potrai prendere appunti durante la lezione'”

Per oltre un’ora, Alexzander ha tenuto Assata, accarezzandola e cullandola. Ad un certo punto, la piccola ha iniziato ad addormentarsi “Suppongo di essere noioso in questo momento”, ha scherzosamente detto Alexzander alla classe in quel momento. Dopo la lezione, alcuni degli studenti di Alexzander hanno condiviso su Twitter la storia, che è diventata virale.

Anche Firda Amalia Hayer, la mamma della piccola Assata, ha usato i social media per lodare sia Alexzander che la gente per aver sostenuto la giovane coppia. “Vedere il sostegno spontaneo e disinteressato di amici, familiari ed estranei per Assata e Wayne è uno spettacolo bellissimo. Si sente l’amore vero e l’entusiasmo”, ha detto.

Altrove sul Web

Che ne pensi?