Segui Keblog su Facebook:

Più di 60 anni dopo la sua morte, Frida Kahlo è ancora oggi una tra gli artisti più riconoscibili e importanti della storia dell’arte. I suoi dipinti sono venerati dagli amanti dell’arte di tutto il mondo, mentre il suo viso è diventato un’icona presente ovunque. Sappiamo bene che aspetto aveva, grazie anche alle molte foto di Frida, ma che suono aveva la sua voce? Nessuno lo sapeva davvero fino alla recente scoperta della Fonoteca Nacional del Messico. L’istituto ha infatti trovato quella che si pensa sia l’unica registrazione audio conosciuta della famosa pittrice.

Altre info: theguardian.com

L’audio proviene da una raccolta di vecchi brani di uno spettacolo radiofonico chiamato “El Bachiller” ed è tratto dal primo episodio nel 1955, l’anno dopo la morte di Frida.

Il direttore nazionale della Fonoteca, Pável Granados, ha affermato che la voce di Kahlo è una delle registrazioni più richieste dai visitatori.

“La voce di Frida è sempre stata un grande enigma, una ricerca senza fine”, ha dichiarato Granados alla stampa. “Fino ad ora, non esisteva una registrazione di Frida Kahlo”.

La scoperta è stata annunciata dal segretario della cultura messicano, che ha una squadra di specialisti che sta ancora completando la verifica della registrazione per determinare se sia davvero la voce di Frida Kahlo. Ma gli esperti sono sicuri che sia la voce della famosa artista.

Alcuni indizi suggeriscono l’autenticità della registrazione. Innanzitutto, l’etichetta originale sulla registrazione dice che la voce nell’audio appartiene all’artista che “non esiste più”. Si stima che la registrazione sia stata fatta nel 1953 o nel 1954, all’incirca nello stesso periodo in cui Kahlo morì.

Ma l’indizio più importante risiede forse nella registrazione stessa. Nel frammento, della durata di circa due minuti, si può sentire una donna che parla in un tono vivace e robusto.

“È un bambino gigantesco, immenso, con una faccia amichevole e uno sguardo triste”, dice la donna in spagnolo.

Le parole sono tratte da un saggio scritto dalla stessa artista, intitolato Ritratto di Diego, che dipinge, attraverso le parole, un’immagine del marito di Frida, il famoso muralista Diego Rivera. Faceva parte del catalogo di una mostra del 1949, tenutasi presso il Palazzo delle Belle Arti, che celebrava i 50 anni di lavoro di Rivera.

Anche se l’arte di Frida Kahlo ha resistito alla prova del tempo, non esisteva finora un documento della sua voce, anche se il fotografo Gisèle Freund descriveva la voce di Frida come “melodiosa e calda”.

Nella sua vita, Frida Kahlo ha usato il suo stile di pittura per esplorare questioni sociali in Messico, il post-colonialismo, le lotte di classe e il razzismo. Ma il soggetto che tornava sempre a dipingere era se stessa.

Frida ha dipinto numerosi autoritratti che esprimevano le sue lotte di artista, amante e disabile. Soffrì di poliomielite da bambina, ebbe un incidente in autobus quando aveva 18 anni che le spezzò diverse ossa, e gli venne diagnosticata la spina bifida, una condizione congenita che influenza lo sviluppo della colonna vertebrale.

La storia della sua vita è affascinante quanto il suo lavoro artistico, in particolare il suo tumultuoso rapporto con il marito Rivera, con il quale non riuscì a mantenere una normale vita di coppia a causa delle relazioni extraconiugali di entrambi.

Nonostante tutto ciò, i due rimasero innamorati e in qualche modo fedeli l’uno all’altra fino alla fine. Ecco perché la registrazione della voce di Firda appena scoperta, un’ode d’amore a Rivera, risuonerà nel pubblico proprio come i suoi dipinti.

La voce di Frida Kahlo nella prima registrazione mai trovata:

Se vuoi sapere di più sull’arte di questa grande artista, leggi il nostro articolo su storia, simbologia e significato di 5 dipinti di Frida Kahlo.

Altrove sul Web

Che ne pensi?

Tag