Segui Keblog su Facebook:

L’edizione 2018 del concorso fotografico National Geographic Travel Photographer Of The Year è giunta al termine ed i vincitori sono stati annunciati.

Una selezione piuttosto difficile effettuata tra oltre 13.000 immagini suddivise in tre categorie: Persone, Città e Natura. La giuria a cui è stato affidato l’arduo compito ha visto in campo diversi esperti del settore, tra cui Whitney Johnson, vicepresidente delle esperienze visive del National Geographic e la fotografa Camille Seaman.

“Sono rimasta stupita dalla qualità delle immagini e dalla sensibilità verso il soggetto in tutte e tre le categorie” ha dichiarato Seaman “Guardare centinaia di immagini e scegliere i vincitori è stato un compito scoraggiante” ma alla fine le fotografie vincenti brillano per esecuzione tecnica e originalità.

Altre info: National Geographic Travel Photographer Of The Year | Facebook | Instagram

Vincitore del Grand Prize: Sirena

Vincitori National Geographic Travel Photographer Of The Year 2018 “Questo cucciolo di balena era sempre con la mamma. Qualche volta succede che un cucciolo curioso venga da noi. Ho avuto la fortuna di incontrare una megattera con il suo cucciolo durante il mio primo giorno di snorkeling vicino all’isola giapponese di Kumejima. La maggior parte del tempo, il cucciolo è rimasto vicino a sua madre. Ad un certo punto, ha iniziato a saltare e toccare con la coda l’acqua vicino a noi. Alla fine, la madre, che stava guardando lì vicino, è tornata a prendere il cucciolo e sono andati via. Mi sono innamorato completamente del cucciolo molto energico e con una grande e bella coda”. Foto di Reiko Takahashi

Secondo classificato nella categoria Natura: Fenicotteri decollano

Vincitori National Geographic Travel Photographer Of The Year 2018 “Migliaia di fenicotteri prendono il volo dal colorato Lago Natron in Tanzania. Prima di decollare, i fenicotteri devono fare una breve corsa sull’acqua per aumentare la velocità. In quel momento, le loro lunghe gambe rosse creano una serie di increspature dell’acqua sulla superficie del lago. Guardando giù dall’elicottero, queste linee ondulate sembrano gigantesche piante acquatiche che scorrono nell’acqua. Questa foto è stata scattata da un elicottero”. Foto di Hao J.

Vincitore del terzo posto nella categotia Natura: Marte

Vincitori National Geographic Travel Photographer Of The Year 2018 “Queste torri di sabbia naturali, ricoperte di grandi pietre, sono conosciute come le Piramidi di Terra di Platten. Si trovano nella regione Alto Adige del Nord Italia. Formate secoli fa dopo numerose tempeste e frane, queste formazioni di terra sembrano un paesaggio proveniente dallo spazio e cambiano continuamente nel corso degli anni e, più precisamente, nel corso delle stagioni. Questo fenomeno naturale è il risultato di una continua alternanza tra periodi di piogge torrenziali e siccità, che hanno causato l’erosione del terreno e la formazione di questi pinnacoli. Mentre le stagioni cambiano, le temperature si spostano tra gli estremi e le tempeste influenzano l’area, le piramidi scompaiono nel tempo, mentre si formano anche nuovi pinnacoli”. Foto di Marco Grassi

Foto selezionata dagli utenti per la categoria Natura: Formazione

Vincitori National Geographic Travel Photographer Of The Year 2018 “Quando arrivammo al Río Grande de Tarcoles, in Costa Rica, vidi una fantastica formazione di coccodrilli dalla bocca tagliente. Non ho potuto fare a meno fotografarli dall’alto col drone. Il mio cuore batteva come un matto perché ero incredibilmente eccitato, da un lato ero un po’ spaventato per il drone, d’altra parte ero così felice per il momento unico”. Foto di Niklas Weber

Vincitore del primo posto nella categoria Città: Un’altra giornata piovosa a Nagasaki, in Giappone

Vincitori National Geographic Travel Photographer Of The Year 2018 “Questa è una vista della strada principale di Nagasaki da un tram in una giornata piovosa. Il tram è vintage, ma equipaggiato con moderne attrezzature di biglietteria. A bordo solo l’autista solitario. In qualche modo attirò la mia attenzione la silenziosa veduta della strada vista attraverso il parabrezza anteriore del tram. Questo punto di vista presenta un forte contrasto con i centri urbani occupati in Giappone, come Tokyo e Osaka. Il giro su un tram d’epoca attraverso la strada principale relativamente tranquilla è stata un’esperienza memorabile durante la nostra visita di una settimana nella storica città di Nagasaki”. Foto di Hiro Kurashina

Secondo posto nella categoria Città: Geometria del Sole

Vincitori National Geographic Travel Photographer Of The Year 2018 “Teotihuacan significa il luogo in cui sono stati creati gli dei “, e questa è la sensazione esatta che i visitatori hanno quando percorrono Avenue of the Dead in questo sito archeologico messicano. Questa piramide era dedicata al dio del Sole e trovavo affascinante il modo in cui il sole nascente nella foto conquistava solo metà dell’immagine, mentre l’altra metà era nell’ombra.
Ho sempre amato l’archeologia e le antiche civiltà, quindi non vedevo l’ora di visitare il Messico ed esplorare i resti della civiltà precolombiana. Ho programmato la mia visita a Teotihuacan all’alba, per ottenere una combinazione di luce solare dorata, giochi di ombre e poche persone intorno. Ho fatto volare il mio drone per vedere se l’immagine che avevo nella mia mente fosse davvero là fuori: fortunatamente per me, questa cornice stava solo aspettando la mia macchina fotografica!”. Foto di Enrico Pescantini

Vincitore del terzo posto nella categoria Città: Riflessione

Vincitori National Geographic Travel Photographer Of The Year 2018 “La mattina presto volevo fotografare la nebbia, che è epica a Dubai ogni anno da dicembre a gennaio, quasi il sogno di ogni fotografo in questa parte del mondo. Purtroppo, non ho potuto accedere al tetto e così ho sbirciato attraverso la finestra vetrata su un piano inferiore. Sono stato sopraffatto ed eccitato nel vedere quanto bella sia la città e la mia eccitazione è quadruplicata non appena ho visto il riflesso della strada e costruito sulla facciata dell’edificio in cui mi trovavo. Ho immediatamente aperto la finestra tanto più che potevo e ho fatto clic”. Foto di Gaanesh Prasad

Menzione d’onore nella categoria Città: Solo tra la folla

Vincitori National Geographic Travel Photographer Of The Year 2018 “In questa foto, ho cercato di portare le condizioni di vita intense e impilate di Hong Kong. Con così tante persone che vivono in piccoli spazi, è strano vedere tutti questi servizi vuoti. Come viaggiatore solitario, sono spesso solo in mezzo alla folla e questa foto risuona con me. Ho raschiato a malapena la superficie di questo incredibile ambiente urbano, ma questa immagine riassume davvero la mia esperienza qui”. Foto di Gary Cummins

Foto selezionata dagli utenti per la categoria Città: Viaggio in Paradiso

Vincitori National Geographic Travel Photographer Of The Year 2018 “Un ciclista mentre attraversa il ponte di Ram Jhula in India. Quando mi trovavo in quel luogo, notai all’improvviso un uomo in bicicletta che veniva verso il ponte, fortunatamente il ponte era deserto. Ho inquadrato questo momento nella mia mente, che è un buon esempio per la fotografia di viaggio, e poi ho premuto l’otturatore per catturare l’immagine. In questa fotografia, il ponte non ha un punto finale e sembra che l’uomo stia viaggiando verso il cielo.” Foto di Trikansh Sharma

Vincitore del primo posto nella categoria Persone: Cultura del tè

Vincitori National Geographic Travel Photographer Of The Year 2018 “Per molto tempo sono stato affascinato dall’antico metodo mongolo di caccia con le aquile reali. All’inizio del 2018, ho seguito una famiglia di cacciatori di aquile durante la loro migrazione dal campo invernale al campo di primavera. La Mongolia è scarsamente popolata, ma gli abitanti hanno una cultura molto ospitale e accogliente. Il tè per la cultura kazaka è uno degli attributi dell’ospitalità. Il tè non è solo un drink, ma un mix di tradizione, cultura, relax, cerimonia e piacere. Damel, vista qui avvolta in pesanti vestiti di pelliccia, beve una tazza di tè per scaldarsi dalle temperature gelide della Mongolia occidentale”. Foto di Alessandra Meniconzi

Vincitore del secondo posto nella categoria Persone: Leida e Laelle

Vincitori National Geographic Travel Photographer Of The Year 2018 “Dal 2016 ho frequentato immigrati e rifugiati haitiani che vivono nella mia città, Estrela. Sono diventato amico di alcune famiglie e soprattutto di due sorelle gemelle, Leida e Laëlle. Dicono che vivere in Brasile è come vivere in paradiso, molto diverso dalla realtà del loro paese di origine. Sognano di diventare modelle e insegnanti, come un modo per guadagnare denaro per portare i loro altri parenti da Haiti in Brasile, per vivere tutti vicini l’uno all’altro. Quel giorno, stavano giocando davanti alla loro casa, improvvisando esercizi per sviluppare la loro immaginazione e creatività, come se fossero attrici e giocando a imitazioni con pose. Laëlle prese la faccia di Leida e sollevò la testa, mostrandole dove avrebbe dovuto guardare. In quel breve momento, ho scattato la foto”. Foto di Tati Itat

Vincitore del terzo posto nella categoria Persone: Viaggio impegnativo

Vincitori National Geographic Travel Photographer Of The Year 2018 “Questa fotografia è stata scattata dalla stazione ferroviaria dell’aeroporto di Dacca durante la vacanza dell’Eid. La gente tornava nelle propri villaggi per passare l’Eid con le famiglie, e la corsa all’ultima ora era immensa. Un uomo attirò la mia attenzione: stava appeso ad manico di un treno con la sua famiglia, cercando di entrare nel treno. Iniziò la pioggia e il treno cominciò lentamente a muoversi. La famiglia aveva i biglietti per salire sul treno ma non potevano salire ai loro posti. Ci sono molte persone come lui, che vengono a Dhaka per lavoro, lasciando le famiglie e i villaggi, così quando vanno in ferie, non vogliono perdere l’opportunità di trascorrere del tempo con i propri cari, non importa come”. Foto di MD Tanveer Hassan Roha

Foto selezionata dagli utenti per la categoria Persone: La ragazza che saltava nel tempo

Vincitori National Geographic Travel Photographer Of The Year 2018 “L’illusione della luce è creata da un’opera d’arte che utilizza un accumulo di punti luce per creare un corpo scultoreo. Ho visto una bambina vestita di rosso che correva nello spazio. Fortunatamente, ha fatto uno scatto al momento giusto, ho scoperto che si chiama “il momento decisivo”. Non vedevo l’ora di premere l’otturatore perché le luci erano perfettamente allineate per creare un’immagine bellissima, come una ragazza che attraversa un tunnel temporale.” Foto di Daniel Cheung

Nebbia che prende una città durante il tramonto

Vincitori National Geographic Travel Photographer Of The Year 2018 “Ho deciso di fare un viaggio da solo, ed è stata una delle esperienze più belle che io abbia mai fatto. Vedere il nostro paese e quanto ha da offrire era magico. Quì ero a Sausalito, in California, avvolta dalla nebbia. È stato incredibile osservare dall’alto. La foto è stata scattata con un drone “. Foto di Ricky Batista

La festa in piscina per eccellenza

Vincitori National Geographic Travel Photographer Of The Year 2018 Raja Iliya cattura l’idilliaca scena di una festa in piscina estiva a Koh Samui, in Tailandia. Foto di Raja Iliya

Spiaggia di Ipanema

Vincitori National Geographic Travel Photographer Of The Year 2018 Raccichni cattura i bagnanti sulla spiaggia di Ipanema in Brasile. Foto di M. Raccichni

L’invasione

Vincitori National Geographic Travel Photographer Of The Year 2018 La modernizzazione sta cambiando rapidamente le città, come documentato da Paul Tsui. Foto di Paul Tsui

Che ne pensi?

Tag