in

Aerei di linea in pensione ora di nuovo in cielo per combattere gli incendi nel mondo

Segui Keblog su Facebook:

Gli aerei di linea devono sempre rispettare rigidi standard di sicurezza per assicurare viaggi senza rischi. Quando un aereo non è più in grado di rispettare questi standard, ad esempio perché troppo vecchio, smette di trasportare turisti e uomini d’affari in giro per il mondo, e va in pensione. Ma ora, questi ex aerei di linea stanno trovando nuova vita dopo che alcune organizzazioni propongono di utilizzarli per combattere gli incendi.

In molte parti del mondo scoppiano infatti incendi boschivi dalle dimensioni spaventose, soprattutto in Australia (ricordate gli incendi australiani dell’anno scorso?) e California, dove le fiamme hanno recentemente causato 6 morti, 43 feriti e la devastazione di oltre 400.000 ettari.

Aerei di linea in pensione ora di nuovo in cielo per combattere gli incendi nel mondoImmagine: airlive.net

A peggiorare lo scenario c’è il riscaldamento globale. I dati della NASA, infatti, indicano che i mutamenti climatici stanno allungando le stagioni degli incendi, e regioni come la California sono diventate a rischio per gran parte dell’anno.

L’opera dei vigili del fuoco, che lavorano instancabilmente per domare le fiamme, è fondamentale ma a volte non sufficiente. Per questo le operazioni di terra devono essere spesso supportate da aerei cisterna, che riescono a scaricare grandi quantità di acqua e liquidi ritardanti sugli incendi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da aviationgoals (@aviationgoals) in data:

Purtroppo, gli aerei costruiti appositamente per la lotta aerea antincendio sono pochissimi. Così, alcune aziende stanno recuperando dalle compagnie aeree i velivoli “in pensione” che non vengono più utilizzati per il loro scopo originario, e li riconvertono in mezzi aerei antincendio che possano aiutare a salvare la natura e le vite umane.

Aerei di linea in pensione ora di nuovo in cielo per combattere gli incendi nel mondo

Immagine: aviationgoals

Uno dei modelli sfruttati allo scopo è il celebre Boeing 747, una volta detentore del titolo di aereo di linea più grande del mondo e oggi diventato aereo antincendio più grande del mondo.

Ma prima di venire impiegati nella lotta agli incendi, i 747 devono naturalmente subire delle modifiche sostanziali. Questi aerei vengono praticamente “svuotati”, rimuovendo i sedili passeggeri e installando al loro posto degli enormi serbatoi che possono contenere fino a circa 73.000 litri di acqua o liquido ritardante.

Aerei di linea in pensione ora di nuovo in cielo per combattere gli incendi nel mondoImmagine: Wikipedia

La cabina di pilotaggio resta praticamente la stessa dato che viene solo aggiunto un pulsante di scarico del serbatoio, da attivare una volta che il velivolo si trova sopra alla zona interessata dagli incendi.

Aerei di linea in pensione ora di nuovo in cielo per combattere gli incendi nel mondoImmagine: Carlos Avila Gonzales

Gli aerei devono spesso volare molto bassi per centrare le fiamme con i liquidi scaricati. Si tratta di manovre pericolose ma necessarie allo spegnimento degli incendi. Oltre ai Boeing 747, altri modelli utilizzati per lo scopo sono il Boeing 737, il Lockheed Martin C-130 Hercules (un aereo da trasporto militare) e il Martin Mars, un idrovolante della seconda guerra mondiale utilizzato dalla Marina degli Stati Uniti, in grado di raccogliere l’acqua sfiorando la superficie dei laghi.

Aerei di linea in pensione ora di nuovo in cielo per combattere gli incendi nel mondoImmagine: Wikipedia

Se ti piacciono i nostri articoli, segui Keblog su Google News!

What do you think?

Keblogger: Roberto Massimi

Appassionato di innovazioni tecnologiche creative e fotografia.

Ora Tocca a Te, Commenta!

Lascia un commento