Segui Keblog su Facebook:

Il fotografo naturalista Joe Neely ha fotografato due api teneramente accoccolate in un fiore. L’ape in questione è la Diadasia diminuta, il cui ruolo nella riproduzione della sua pianta preferita, la Sphaeralcea, è fondamentale. Questa specie, non solo raccoglie il polline sulle zampe posteriori da riportare nel nido, deposita una parte del polline che rimane attaccata sul suo corpo sullo stigma di ciascuno dei fiori che visiterà successivamente, contribuendo alla loro riproduzione.

Secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, i nidi della Diadasia diminuta si trovano comunemente lungo i margini delle strade sterrate negli Stati Uniti occidentali, ed è proprio percorrendo l’autostrada che Neely si è imbattuto in questo spettacolo inaspettato.

Per quanto riguarda il sonno, secondo Brandon Hopkins, un ricercatore di api alla Washington State University “Gli scienziati hanno scoperto, osservandole attentamente, che le api mellifere smettono di muovere le loro antenne quando dormono e in alcuni casi cadono di traverso”. Quindi, molto probabilmente, le api fotografate da Neely stavano facendo proprio un riposino. Non ci resta che vedere le bellissime immagini catturate con una Nikon D750 e un obiettivo macro da 150 mm insieme ad un flash macro Nikon R1C1.

Altre info: Joe Neely | Facebook | Instagram

Il fotografo Joe Neely stava viaggiando con la fidanzata alla ricerca di un campo di papapaveri da fotografare

Le api che dormono nei fiori

Attratti da una macchia di fiori rosa, sul ciglio dell’autostrada dove stavano viaggiando, si sono fermati ed hanno fatto una scoperta davvero incantevole

Le api che dormono nei fiori

Due api accoccolate su un fiore

Le api che dormono nei fiori

Le api fanno parte della specie Diadasia diminuta

Le api che dormono nei fiori

E probabilmente stavano facendo un riposino tra un’impollinazione ed un’altra

Le api che dormono nei fiori

Le api che dormono nei fiori

Se vi piacciono le api scoprite una specie che crea nidi che sembrano opere d’arte!

Altrove sul Web

Che ne pensi?

Tag