in

Una stella a forma di lacrima scoperta da un gruppo di astronomi: “È il battito del suo cuore”

Segui Keblog su Facebook:

Una stella a forma di lacrima è stata scoperta da un gruppo di astronomi, e si ritiene sia la prima nel suo genere. La stella, nome scientifico HD74423, è di un tipo completamente nuovo ed è stata individuata da alcuni studiosi mentre esaminavano delle incongruenze in alcuni dati acquisiti da TESS, l’ultimo satellite della NASA dedicato alla scoperta dei pianeti extrasolari. L’insolita stella si trova a 1.500 anni luce dalla Terra e ha 1,7 volte la massa del sole. La sua strana forma a goccia è in realtà data dalla “pulsazione” della stella, ed è causata dal “battito del suo cuore” che lampeggia a milioni di miglia di distanza.

Scoperta nuova stella a froma di lacrima, HD74423Immagine: Gabriel Pérez Díaz (IAC)

Quello sopra è un rendering della stella HD74423 e della sua compagna nana rossa, molto più piccola, in un sistema stellare binario. La stella grande, detta primaria, sembra pulsare solo su un lato, ed è distorta dall’attrazione gravitazionale della sua stella compagna.

Anche se tutte le stelle pulsano, in genere è possibile osservare questa pulsazione su tutti i lati del corpo celeste, il che contribuisce a mantenere la tradizionale forma rotonda. Il cosiddetto “battito cardiaco” di questa stella in particolare, invece, può essere visto solo su un lato, il che le conferisce questa forma unica.

Simon Murphy del Sydney Institute for Astronomy dell’Università di Sydney, ricercatore e coautore dello studio su questa stella, spiega le caratteristiche uniche di questo corpo celeste: “Quello che ha attirato per primo la mia attenzione è stato il fatto che si tratta di una stella chimicamente peculiare. Le stelle come questa sono di solito abbastanza ricche di metalli, ma questa è invece povera di metalli, il che la rende rara”.

Don Kurtz, coautore dello studio, ha aggiunto: “Sappiamo teoricamente già dagli anni ’80 che stelle come questa esistono. Cerco una stella come questa da quasi 40 anni e ora ne abbiamo finalmente trovata una”.

What do you think?

Altrove sul Web

Che ne Pensi?

Lascia un commento