Segui Keblog su Facebook:

Lo scorso aprile ha segnato il 33° anniversario del disastro nucleare di Chernobyl. Dopo l’esplosione del 1986, che ha rilasciato una quantità enorme di materiale radioattivo in tutto il continente, è stata istituita una “zona di alienazione” del raggio di circa 30 chilometri dall’impianto di Chernobyl, per delimitare l’area ritenuta troppo radioattiva per abitarvi. In ricordo di quell’evento, è stata anche prodotta la serie TV Chernobyl, che ha avuto un grande successo.

Migliaia di persone furono evacuate, e quella che una volta era una fervida città satellite divenne un fantasma. Ma questa città potrebbe persino tornare nel mercato grazie all’avvento di una vodka artigianale creata proprio nel luogo in cui si è verificato il disastro.

L’Atomik Vodka viene prodotta con grano e acqua raccolti ​​in quella stessa zona una volta evacuata per i suoi alti livelli di radiazione, ed è diventata il primo prodotto di consumo proveniente dall’area abbandonata.

Altre info: atomikvodka.com

La vodka "Atomik": il primo liquore fatto con il grano di Chernobyl

Questa vodka è un prodotto della Chernobyl Spirit Company, che fa parte di un progetto guidato dal professor Jim Smith dell’Università di Portsmouth, nel Regno Unito. Finora, l’azienda ha prodotto una sola bottiglia e afferma che il liquore può essere bevuto in totale sicurezza. “È l’unica bottiglia esistente”, ha detto Smith. “Tremo quando lo tengo in mano”.

La vodka "Atomik": il primo liquore fatto con il grano di Chernobyl

Secondo gli esperti della Southampton University, il prodotto è assolutamente sicuro. “Tutti i valori sono al di sotto del limite di rilevamento”, ha assicurato Smith.

“Questo liquore non è più radioattivo di qualsiasi altra vodka”, ha continuato il professore. “Qualsiasi chimico ti dirà che, quando distilli qualcosa, le impurità restano nel prodotto di scarto. Quindi abbiamo preso della segale leggermente contaminata e dell’acqua dalle falde di Chernobyl, e l’abbiamo distillata”.

La vodka "Atomik": il primo liquore fatto con il grano di Chernobyl

Smith e i suoi colleghi hanno in programma di utilizzare i ricavati della Atomik Vodka per le comunità locali, i cui mezzi di sussistenza sono stati distrutti dall’esplosione.

Il Dr. Gennady Laptev, dell’Istituto Idrometeorologico Ucraino di Kiev e uno dei membri fondatori della nascente Chernobyl Spirit Company, è entusiasta di ciò che il liquore significa per l’intera regione.

“Non dobbiamo semplicemente abbandonare questa terra”, ha detto. “Possiamo usarla in diversi modi e possiamo produrre qualcosa che sia totalmente privo di radioattività”.

La vodka "Atomik": il primo liquore fatto con il grano di Chernobyl

In effetti, la zona di alienazione ha mostrato promettenti segnali di ripresa. La fauna selvatica non sta più solo sopravvivendo, ma prospera. Gli animali della Foresta Rossa di Chernobyl includono lupi, cervi e una varietà di uccelli.

L’area è diventata anche un’attrazione turistica ed è afflitta da influencer provenienti da tutto il mondo che scattano selfie discutibili attorno agli edifici abbandonati.

La Chernobyl Spirit Company vede semplicemente il proprio prodotto come un’opportunità economica per la gente del posto, ancora in grande difficoltà. “Il problema per la maggior parte delle persone che vivono lì è che non hanno una dieta adeguata, buoni servizi sanitari, posti di lavoro o investimenti”.

La vodka "Atomik": il primo liquore fatto con il grano di Chernobyl

Secondo il sito Web del prodotto, Atomik Vodka donerà almeno il 75% dei suoi profitti dalle vendite per “sostenere le comunità nelle aree colpite e la conservazione della fauna selvatica”.

L’idea di bere qualsiasi cosa prodotta nella zona di alienazione di Chernobyl è ancora inquietante per molti, ma per gli animi più coraggiosi che vogliono aiutare l’economia ucraina in difficoltà, si può provare il primo Atomik Vodka martini al Bar Swift di Soho, a Londra.

La vodka "Atomik": il primo liquore fatto con il grano di Chernobyl

Altrove sul Web

Che ne pensi?

Tag