in

Prete affetto da coronavirus rinuncia al respiratore per salvare una persona più giovane di lui

Segui Keblog su Facebook:

Si chiamava don Giuseppe Berardelli ed è morto nell’ospedale di Lovere, nella Bergamasca. Era positivo al coronavirus. Il prete 72enne di Casnigo, sempre pronto al sorriso, era molto amato nella sua comunità, tanto che i parrocchiani dopo aver appreso della sua malattia avevano fatto di tutto per procurargli un respiratore. Ma don Giuseppe non ha avuto dubbi in merito: il respiratore doveva andare ad una persona più giovane di lui. E così è stato. Un giovane uomo, che il prete neanche conosceva, ha avuto il suo respiratore. Un uomo votato al sacrificio che i casnighesi hanno salutare a modo loro: con un lungo applauso dai balconi della propria abitazione, tutti insieme, a mezzogiorno di lunedì 16 marzo.

Prete affetto da coronavirus cede il respiratore ad un uomo più giovane Twitter

Il sindaco di Casnigo ha rilasciato una sentita dichiarazione: “Era una persona semplice e diretta, con una grande gentilezza e disponibilità verso tutti, credenti e non credenti. Sempre amichevole e disponibile con la pubblica amministrazione, le associazioni e non solo quelle della parrocchia, ha partecipato a tutti gli eventi senza mai essere invadente. Era amato da tutti e aveva anche un’incredibile capacità di risolvere problemi economici, di bussare alla porta giusta per chiedere aiuto”.

Prete affetto da coronavirus cede il respiratore ad un uomo più giovane

Twitter

What do you think?

Altrove sul Web

Che ne Pensi?

Lascia un commento