in

Qualcuno ha trovato i sosia contemporanei degli antichi romani (12 immagini)

Segui Keblog su Facebook:

Ti sei mai chiesto se esiste un tuo sosia da qualche parte del mondo? Dicono che ognuno di noi ne abbia addirittura sette, sparsi tra i quattro angoli della Terra. Qualcuno ha voluto fare una ricerca, ma ha concentrato la sua attenzione sui volti di personaggi dell’antica Roma per trovarne dei sosia nostri contemporanei.

Ma la ricerca sembra aver voluto essere anche uno stimolo per i turisti: “Che aspetto avevano gli antichi romani? Fate un viaggio in Italia e li vedrete ovunque”. Ecco allora che potrete trovare Scipione l’Africano in Marco Minniti, o Giulio Cesare in Alberto Gimignani. In realtà, come vedrete qui sotto, non sono proprio tutti nostri contemporanei, ma la spiritosa iniziativa coglie comunque nel segno.

Scoprite qui sotto le “versioni contemporanee” dei personaggi dell’antica Roma, e non dimenticate che la classifica la decidete voi mettendo “mi piace” sotto le vostre preferite! E se avete degli accostamenti da suggerire, fatecelo sapere nei commenti e magari li aggiungeremo!


Gli esseri umani sono tuttora in evoluzione, ma quali sono i cambiamenti avvenuti nella nostra specie negli ultimi 2000 anni? Dal punto di vista evolutivo, si tratta di un periodo di tempo molto breve, forse troppo per riuscire a trovare delle mutazioni genetiche apprezzabili. Ma delle nuove tecniche hanno permesso di scoprire come ci siamo evoluti negli ultimi due millenni.

In uno studio pubblicato dalla Stanford University, un gruppo di ricercatori è riuscito a mostrare i risultati dell’evoluzione trovando i cambiamenti nel DNA umano in questo arco di tempo, e ha elencato alcune di queste mutazioni.

Per fare ciò, gli scienziati hanno osservato gli alleli, che sono delle forme alternative dello stesso gene in un determinato tratto di DNA. Le differenze sono causate da mutazioni genetiche. Quando un allele mutante viene riprodotto, porta con sé anche i geni che lo circondano.

Il risultato del lavoro degli scienziati della Stanford University è che possiamo vedere quali tratti sono cambiati negli ultimi 2.000 o 3.000 anni: colore dei capelli, altezza, tolleranza al lattosio, livelli di insulina, circonferenza della testa del bambino, peso alla nascita e diminuzione dell’indice di massa corporea nei maschi.

Ad esempio, è stato notato che la dimensione dell’anca nella donna è aumentata, così come il limite inferiore di età per l’inizio delle mestruazioni, e quindi per la fertilità. Inoltre, oggi la menopausa si verifica più tardi.

Presi da soli, questi cambiamenti potrebbero non sembrare enormi, ma il fatto che siano misurabili anche se avvenuti in un tempo relativamente breve mostra che è possibile tenere traccia delle mutazioni nel nostro genoma quasi in tempo reale. Piuttosto incredibile, no?

Quando avete finito di votare i vostri accostamenti preferiti, non perdetevi le immagini delle ricostruzioni facciali di personaggi dell’antichità, da Tutankhamon a Gesù, realizzate con l’aiuto di dati scientifici, e l’articolo sull’artista che ha ricreato i volti degli imperatori romani usando l’intelligenza artificiale.

Se ti piacciono i nostri articoli, segui Keblog su Google News!

What do you think?

19 Punti
Mi Piace

Keblogger: Alex Bernardi

Amo viaggiare, gli animali e la natura. Mi piace scrivere storie da condividere, e nel tempo libero cerco di imparare a suonare il piano, ma con scarsi risultati.

Lascia un commento