in

LOVELOVE SOBSOB

Si arrampica sulla parete dell’ospedale per vegliare sulla mamma dalla finestra fino a che lei muore per coronavirus

Segui Keblog su Facebook:

Una storia toccante che arriva dalla Palestina. Anche in questo luogo del mondo, dove i casi confermati sono più di 9.500, il coronavirus sta mietendo vittime. Un giovane di nome Jihad Al-Suwaiti ha commosso i social media per avere vegliato su sua madre, positiva al COVID-19, giorno e notte, dalla finestra di un ospedale.

Quando la sua anziana mamma è stata ricoverata, Jihad si è rifiutato di separarsi da lei, ma non gli è stato permesso di farle visita per ovvi motivi di sicurezza. Così, il trentenne per diversi giorni si è arrampicato sulla parete dell’ospedale per vegliare su sua madre, seppure da dietro un vetro.

Un funzionario dell’ospedale ha raccontato: “Ha trascorso la maggior parte della sua giornata lì, osservando le condizioni di sua madre dalla finestra. Scendeva quando era convinto che la donna dormisse profondamente”. Questo è andato avanti fino a quando, giovedì scorso, sua madre Rasma Salama è deceduta. La storia che è stata condivisa da Mohamad Safa sui social media, ha fatto il giro del mondo.

Altre info: Twitter

Quando sua madre è stata ricoverata a causa del coronavirus, Jihad ha passato giorni e notti a vegliare su di lei dalla finestra dell’ospedale

Veglia mamma malata di coronavirus dalla finestra dell'ospedale

Veglia mamma malata di coronavirus dalla finestra dell'ospedale

Il fratello di Jihad, Abang, ha raccontato ai media che sua madre stava lottando contro la leucemia quando si è ammalata di coronavirus. Suo fratello Jihad, nonostante il divieto di entrare in ospedale per motivi di sicurezza, ha trovato il modo per starle accanto comunque.

Veglia mamma malata di coronavirus dalla finestra dell'ospedale

Mohamad Safa ha voluto rendere un omaggio a Jihad e alla sua defunta madre

Veglia mamma malata di coronavirus dalla finestra dell'ospedale mhdksafa

Veglia mamma malata di coronavirus dalla finestra dell'ospedale

What do you think?

Altrove sul Web

Commenta

Lascia un commento