in ,

La statua del mercante di schiavi gettata in acqua dai manifestanti di Black Lives Matter

Segui Keblog su Facebook:

Si trovava lì da ben 125 anni la statua di Edward Colston, un mercante di schiavi vissuto nel XVII° secolo. Ma per i manifestanti di Black Lives Matter era un insulto alla popolazione di a Bristol, in Inghilterra, e così l’anno abbattuta, gettandola nelle acque del porto. Anche il Regno Unito, infatti, è stata interessata dall’ondata di proteste e manifestazioni conto il razzismo sistemico e le violenze della polizia, che si è diffusa in seguito alla morte di George Floyd.

La statua del mercante di schiavi Edward Colston gettata in acqua dai manifestanti di Black Lives MatterImmagine: Wikipedia

Quella statua di Colston era un simbolo del coinvolgimento della città di Bristol nella tratta degli schiavi, e un disonore per i cittadini. Così, i manifestanti hanno rimosso il monumento in bronzo dalla sua base e l’anno gettata in acqua.

La statua del mercante di schiavi Edward Colston gettata in acqua dai manifestanti di Black Lives Matter


Immagine: Keir

Edward Colston, nato nel 1636, fu vice governatore della Royal African Company (una società inglese che commerciava schiavi fondata dalla famiglia reale Stuart e dai mercanti di Londra) e in seguito deputato conservatore a Bristol. Si ritiene che abbia trafficato il commercio di circa 84.000 uomini, donne e bambini africani, e che sia responsabile di circa 19.000 persone morte durante i viaggi verso i Caraibi e l’America.

La statua del mercante di schiavi Edward Colston gettata in acqua dai manifestanti di Black Lives MatterImmagine: Mathew Parsons

La statua del mercante di schiavi Edward Colston gettata in acqua dai manifestanti di Black Lives MatterImmagine:

L’accaduto è stato accompagnato dal giubilo dei manifestanti, ma la polizia locale ha dichiarato che è stata avviata un’indagine.

La statua del mercante di schiavi Edward Colston gettata in acqua dai manifestanti di Black Lives MatterImmagine: Asaad

La statua di Colston si trovava nel centro di Bristol dal 1895, ma nel tempo è stata oggetto di un numero sempre maggiore di controversie, e diverse sono state le petizioni per chiedere la sua rimozione.

La statua del mercante di schiavi Edward Colston gettata in acqua dai manifestanti di Black Lives MatterImmagine: Alon Aviram

La statua del mercante di schiavi Edward Colston gettata in acqua dai manifestanti di Black Lives MatterImmagine: Asaad

Colston donò molte delle sue fortune in beneficenza, ma volle che i beneficiari fossero fedeli alla sua stessa religione. Un filantropo, quindi, ma sulla pelle di decine di migliaia di schiavi.

La statua del mercante di schiavi Edward Colston gettata in acqua dai manifestanti di Black Lives MatterImmagine: Tom Wall

La statua del mercante di schiavi Edward Colston gettata in acqua dai manifestanti di Black Lives MatterImmagine: Keir

La statua del mercante di schiavi Edward Colston gettata in acqua dai manifestanti di Black Lives MatterImmagine: Clíona Kelly

La statua del mercante di schiavi Edward Colston gettata in acqua dai manifestanti di Black Lives MatterImmagine: Asaad

Secondo la polizia, alla manifestazione di Black Lives Matter a Bristol hanno partecipato circa 10.000 persone, che hanno protestato in maniera pacifica contro le disuguaglianze e le ingiustizie razziali.

La statua del mercante di schiavi Edward Colston gettata in acqua dai manifestanti di Black Lives MatterImmagine: Clíona Kelly

What do you think?

Ora Tocca a Te, Commenta!

Lascia un commento